Pressioni Fiscali a Confronto: in Italia si pagano davvero troppe tasse rispetto alla media EU?

Il cuneo fiscale è la porzione del costo del lavoro che non va nella paga netta dei lavoratori dipendenti. Esso comprende le imposte sul reddito del lavoratore e i contributi previdenziali a carico del lavoratore e del datore di lavoro.

Il cuneo fiscale misura la differenza fra il costo totale sostenuto dal datore di lavoro e la paga netta percepita dai lavoratori dipendenti. Questo indicatore si calcola come il rapporto percentuale fra le trattenute totali e il costo totale del lavoro.

Il rapporto annuale Taxing Wages dell’Ocse fornisce stime annuali del cuneo fiscale per diverse categorie di lavoratori dipendenti a tempo pieno nei paesi Ocse. A seconda del loro reddito e della composizione del nucleo familiare. Monitorandone tutte le sue componenti.

Nel 2021 l’Italia aveva il quinto cuneo fiscale più alto sia fra i paesi Ocse e sia fra quelli dell’area euro. Per un lavoratore dipendente con uno stipendio lordo medio, il cuneo era del 46,5 per cento. Contro una media del 41,4 per cento nell’area euro.

Sempre con riferimento a un lavoratore senza figli con stipendio medio. L’Italia ha il quinto cuneo fiscale più alto fra i paesi Ocse. La posizione italiana è la stessa considerando solo il sottogruppo dei paesi Ocse che adottano la moneta unica europea.

In quanto tutti i paesi dell’eurozona, ad eccezione   dell’Irlanda, impongono un cuneo fiscale superiore alla media Ocse.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Uno stipendio da €1.700 costa €3.200 al datore di lavoro

Riguardo la diversa allocazione del cuneo fiscale nei paesi dell’eurozona:

La porzione del cuneo fiscale a carico dei lavoratori è in media del 61 per cento, mentre per il 39 per cento è a carico dei datori di lavoro.

La media risulta trainata da paesi come la Germania, l’Irlanda, i Paesi Bassi e il Lussemburgo. Dove il cuneo fiscale viene allocato sui lavoratori rispettivamente per il 65, 71, 69 e 70 per cento.

Solamente in sei paesi su diciassette il peso del cuneo fiscale ricade più sul datore di lavoro che sui lavoratori dipendenti:

Oltre all’Italia, dove il peso sul lavoratore è poco più del 48 per cento.

Questi paesi sono Francia, Spagna, Estonia, Grecia e Slovacchia. I cui valori sono rispettivamente del 43, 41, 34, 50 e 44 per cento circa.

Secondo te in Italia si pagano troppe tasse?

Cosa si potrebbe fare per alleggerire il Cuneo Fiscale?

Autore: Davide Muscella

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

©2022 Economiain10secondi

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma c'è possibile inviare una e-mail e ti tornare a voi, al più presto.

Sending

Accedi con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account