L’Ilva di Taranto è da sempre un problema per la città pugliese. Da un lato c’è il diritto alla tutela della salute dei cittadini, dall’altro la tutela dei posti di lavoro.

Ma facciamo un passo indietro.

L’Ilva è uno stabilimento siderurgico per la produzione e trasformazione dell’acciaio inaugurato nel 1965. Nei pressi del quartiere Tamburi di Taranto

Il grande polo siderurgico di Taranto, sull’ondata delle privatizzazioni degli anni Novanta, passa al Gruppo Riva.

Proprio negli anni Novanta emergono i primi report sull’impatto ambientale e sui numerosi casi di tumore fra la popolazione di Taranto.

Nel 2012 la magistratura dispone il sequestro dell’acciaieria per gravi violazioni ambientali. Vengono indagati i vertici Riva e si stimano a più di 11mila le morti per malattie cardiovascolari dovute all’inquinamento ambientale avvenute nella zona di Taranto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Quanto inquina la nostra vita digitale?

Lo stabilimento però non verrà chiuso per tutelare l’occupazione e i posti di lavoro: più di 12 mila ai tempi.

È proprio tra i lavoratori dello stabilimento che si registrano il maggior numero di casi. +500% casi di cancro rispetto alla media della popolazione generale della città.

Chi vive, invece, nei siti contaminati, rileva il Rapporto Sentieri dell’Istituto superiore di sanità, ha un rischio di morte più alto del 4-5% rispetto alla popolazione generale. Questo si è tradotto a Taranto in un eccesso di mortalità pari a 11.992 persone, di cui 5.285 per tumori e 3.632 per malattie.

Dopo 329 udienze la magistratura ha emesso le condanne:

  • 3 anni e mezzo di reclusione a Nichi Vendola (ex presidente della Regione Puglia);
  • 22 e 20 anni di reclusione per Fabio e Nicola Riva

Secondo te l’Ilva di Taranto è un problema, e cosa si potrebbe fare per risolverlo?

Autore: Carmelo La Manna

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

©2022 Economiain10secondi

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma c'è possibile inviare una e-mail e ti tornare a voi, al più presto.

Sending

Accedi con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account