La creazione del mercato globalizzato in cui si opera oggi non è stata spontanea ma fu trainata da una serie di istituzioni che hanno accelerato il processo. Con “Washington Consensus” si intende una serie di istituzioni economiche statunitensi e internazionali che hanno guidato l’apertura dei mercati attraverso particolari politiche di stampo liberista.

Queste politiche hanno interessato principalmente aree del pianeta escluse dal commercio internazionale come l’Africa e l’Asia.

Tra le istituzioni che promossero questi cambiamenti abbiamo:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La Cina sta conquistando l’Italia

Ma come è avvenuta l’imposizione di tali politiche?

I paesi in via di sviluppo spesso in difficolta economiche (anche in alcuni casi causate delle guerre coloniali) chiedevano prestiti a queste istituzioni.

Le condizioni per l’ottenimento dei prestiti erano l’adozione di politiche di stampo neoliberista (che non sempre hanno favorito la loro crescita).

Tra le quali:

  • Privatizzazione delle imprese e dei servizi pubblici;
  • Liberalizzazione dei prezzi;
  • Riduzione spesa pubblica e pareggio di bilancio;
  • Deregolamentazione dei mercati

L’obiettivo finale era quello di parificare le economie con regole comuni che favorissero lo scambio di capitali, beni e servizi.

Conoscevi il Washington Consensus? Qual è la tua opinione sul mercato globale?

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

©2022 Economiain10secondi

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma c'è possibile inviare una e-mail e ti tornare a voi, al più presto.

Sending

Accedi con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account