Il Dry Powder è un termine slang del gergo finanziario che fa riferimento alle riserve di denaro, non ancora utilizzate, che gli investitori hanno impegnato in fondi di Private Equity. L’ammontare globale di questa scorta di liquidità ha raggiunto $2,5 bilioni a fine 2019, una somma superiore al PIL Italiano.

E’ facile dedurre che le aziende supportate da tali fondi abbiano goduto di un accesso privilegiato a risorse esterne nel 2020, nonostante la severa contrazione dell’economia internazionale. La realtà tuttavia è meno rosea delle aspettative.

A maggio il numero di queste società richiedenti accesso alle procedure fallimentari è il più alto degli ultimi anni.

I motivi possono essere sono molteplici: alcuni fondi di Private Equity non sono in possesso di ulteriori risorse, dry powder incluso, da dedicare ad aziende in difficoltà, oppure sfruttano il momento propizio per tagliare sugli investimenti meno promettenti. Il caso dei grandi magazzini del lusso Neimar Marcus, in bancarotta proprio dal mese di maggio, rispecchia la seconda opzione, in quanto società partecipata di Ares Management Corp. fondo con $33 miliardi di dry powder a disposizione.

Una terza spiegazione è che gli stessi gestori del Private Equity (General Partners) sono vincolati nell’utilizzo delle riserve di capitale da accordi siglati con i propri investitori (Limited Partners). L’85% del dry powder nel segmento buy-out, è incanalato in fondi di recente istituzione (2017 – 2019), per cui non utilizzabile per sostenere precedenti investimenti. I Limited Partners, a loro volta, sono poco inclini ad accettare l’iniezione di nuove risorse in aziende in stress finanziario, preferendo l’acquisizione di nuovi target in ottica opportunistica.

Per ovviare a tali obblighi, i General Partners possono acquisire aziende in difficoltà tramite un nuovo fondo (Cross-fund Investments), oppure utilizzare i ricavi dalla cessione di un investimento di successo per supportare altre aziende all’interno dello stesso fondo (Recycling).

0 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

©2021 Economiain10secondi

CONTATTACI

Non siamo in giro in questo momento. Ma c'è possibile inviare una e-mail e ti tornare a voi, al più presto.

Sending

Accedi con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Create Account